Questa è la storia di Priscila imprenditrice, una donna energica, determinata, ricca di umanità, che ha affrontato con coraggio le sfide che la vita le ha messo davanti.

Facciamo la sua conoscenza.

 

Mi racconta qualcosa di lei? Chi è da dove viene, che lavoro fa? Da quanti anni fa questo lavoro?

 

Mi chiamo Priscila Regina Maia Da Silva  ho 38 anni e sono Brasiliana .

Vivo in Italia da quando avevo 11 anni e ho proseguito qui tutte le scuole .

Sono sposata e mamma di 3 splendidi  figli.

Lavoro con mio marito da 6 anni e sono titolare di un’azienda che è specializzata nella posa in opera di giardini in erba sintetica. La nostra azienda si chiama Posa Green Design .

Il mio ruolo nell’attività di famiglia è gestire amministrazione e contabilità.

 

 

A che età ha deciso di intraprendere questa professione?

 

 Circa 10 anni fa mio marito lavorava come elettricista, di punto in bianco L’azienda  per cui lavorava dichiarò fallimento.

Senza lavoro e con una famiglia da mantenere mio marito decise  allora di mettersi in proprio. Andava di casa in casa bussando alle porte  per chiedere se le persone volevano sistemare il giardino, fino a quando tramite un cliente riuscì a diventare artigiano e successivamente ha proposto la sua idea a Leroy Merlin e diventò responsabile del progetto posa erba sintetica e posatore per tutti i Leroy Merlin della Lombardia e  punto di riferimento per tutti quelli d’Italia. Il lavoro cresceva e anche la necessità di un aiuto, e qui entro in scena io. Senza alcuna esperienza decisi di aiutare mio marito gestendo l’area amministrativa e facendo parte a pieno titolo della gestione dell’ attività , prima di allora mi prendevo solo cura della famiglia. Ho dovuto imparare cose a me sconosciute , mi sono messa in gioco e posso dire di essere molto orgogliosa di me stessa nonostante avessi in tutto, fatto solo 6 anni di scuola.

In Brasile ho frequentato solo la prima elementare , gli altri anni di scuola non li ho fatti perché continuavo a cambiare casa . Arrivata in Italia mi hanno messo in quinta elementare e da allora ho frequentato le scuole fino alla 2 superiore .

La nostra attività è cresciuta, abbiamo un negozio a Brembate di Sopra (Bg)con un show room per i clienti. Inizialmente  i nostri clienti erano solo quelli di Leroy Merlin ora lavoriamo quasi solo per i privati che arrivano da noi tramite le buone recensioni che abbiamo su Facebook , Google e principalmente tramite il nostro sito internet e che è ben indicizzato sul web.

 

C’è una persona che deve ringraziare e che l’ha supportato durante tutto il suo percorso?

 

Mio marito, ha sempre creduto in me, mi ha sempre incoraggiato e supportato, non mi ha fatto mai mancare il suo sostegno.

Nonostante avessi poche esperienze in ambito scolastico lui mi ha sempre incoraggiato a provarci e a credere in me stessa. 

È il mio migliore amico, senza di lui non sarei la donna che sono ora.

 

Come immagina la sua attività da qui a 5 anni?

 

L’erba sintetica è in forte crescita sono molte le persone che per vari motivi preferiscono un giardino sintetico piuttosto che quello vero. Da qui a 5 anni immagino la mia azienda in forte espansione, con il desiderio di creare nuovi posti di lavoro.

 

 Ha dei rimpianti?

 

No perché credo che nella vita non è mai tardi per ricominciare . Anche se per qualche motivo non sei stato in grado di fare qualcosa nulla ti impedisce di iniziare farlo ora .

 

C’è stato un momento della sua carriera in cui ha pensato di mollare tutto e di dedicarsi ad altro?

 

 Si quando non credevo in me stessa. Non riuscivo a capire come amministrare bene l’azienda, fatture,

DDT, iva, tasse , F24 , note di credito, tutti concetti difficili da comprendere. Più volte mi sono sentita non adeguata ma l’unico modo per non mollare è continuare a provarci sempre.

 

 Che consigli si sente di dare a chi ha intrapreso il suo stesso percorso?

 

Il consiglio che do soprattutto per mariti e mogli che decidono di lavorare insieme è quello di restare uniti.

È importante non portare a casa i problemi del lavoro e non portare al lavoro i problemi che ci sono a casa. Ci sono persone che dicono che non lavorerebbero mai con il proprio coniuge io dico che se si va d’ accordo è anche molto bello e stimolante.

 

Io e mio marito andiamo molto d’accordo spesso ridiamo e ci divertiamo , a volte non ci troviamo su alcuni punti ma fino a quando c’è il rispetto non si va mai oltre.

Un’altra cosa importante è non mancarsi di rispetto soprattutto davanti ai dipendenti  e rispettare i ruoli di entrambi .

Non fate scelte affrettate , valutate sempre bene gli investimenti ma non dovete avere paura di rischiare . Noi abbiamo sempre rischiato e fino ad oggi non siamo mai rimasti delusi .

 

Ringrazio Priscila per avermi permesso di pubblicare questa intervista.

Priscila l’ho conosciuta su Facebook mi ha colpito il suo impegno nel sociale il suo essere solidale che trova espressione e si concretizza in comportamenti di reciproco aiuto e di grande altruismo.

 

Queste sono le donne di cui essere orgogliose.

 

Conosci altre donne che come Priscila si sono realizzate nella loro professione?

 

Raccontami anche tu la tua storia scrivimi su info@danielaarixi.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *